Come sentirsi forti

Dopo l’ultimo articolo che ho pubblicato mi è arrivata questa email da una mia ex paziente. Ho deciso di pubblicarla perché la persona che mi ha scritto spiega bene come si sente e come ha interpretato in modo pratico quello che ha letto nell’ultimo articolo. Penso sia molto utile per tutte le persone sapere che si può stare meglio e che non sono solo parole quelle che dicono gli  psicologi. Se si ha il coraggio di seguirle, molto probabilmente ci si sente meglio.

 

Articoli correlati: A cosa ci serve l’autoingannoQuando una psicoterapia funziona?Le lettere di Pietro Quando finisce una psicoterapiaIpnositerapia: un caso clinico

 

Buona lettura:

 

Gent. Dott. Ceschi.

Ho appena finito di leggere il suo articolo riguardo il sentirsi soli.

Avendo recentemente provato sulla mia pelle questa sensazione, lo trovo un articolo molto interessante forse perché lo comprendo molto bene.

Facevo una considerazione giorni fa  riguardo alla forza che ho acquisito in questo ultimo periodo della mia vita.

Il fulcro di tutto ciò penso risieda proprio nel fatto che sentendosi soli ci si sperimenta e ci si scopre come non avremmo mai pensato di essere .

Per quel che mi riguarda, ad esempio, proprio dopo l’ultima delusione “amorosa” ho sentito di aver colmato quel grande buco affettivo che provavo fino a non molto tempo fa.

E ……. sa perché lo ho colmato?

Non di sicuro perché qualcuno sia riuscito ad offrirmi un sentimento valido ma proprio perché NON  ho trovato nulla. Ho, quindi, potuto sperimentare che il vuoto da me provato fino a quel momento lo ho RIEMPITO  con me stessa. L’amore per la mia persona. Un amore, un apprezzamento, una forza, una sicurezza che solo noi possiamo trovare in noi stessi.

L’amore che una persona ci può offrire è solo un completamento, ma il resto lo dobbiamo cercare e riempire con noi stessi.

E’ importante sentirci amati da chi ci circonda, ma amare noi stessi è la più grande conquista.

È si una conquista ma è altrettanto vero che è solo un punto di partenza !!!

Mi spiego meglio: non siamo fatti per stare soli ma…… tutto ciò che possiamo contenere nel nostro bagaglio di vita è auspicabile poterlo condividere con qualcuno di speciale che stia al nostro fianco !!!!

È sempre un sogno e…….sognare non costa nulla !!!

Nel salutarla le porgo i miei saluti. A presto.

 

Ho deciso, in accordo con la ex paziente, di pubblicare questa email perché penso possa servire a molte persone. Credo che possa servire principalmente ad avere fiducia in se stessi e pensare che si può stare meglio. Credo che possa servire a molte persone che non credono in un percorso psicoterapico e che non credono in se stessi.

Molto spesso pensiamo che devono essere gli altri a farci stare bene e lo facciamo perché siamo stati abituati fin da piccoli a pensarlo. Poi però cresciamo e continuiamo a pensarlo. La grande differenza tra un bambino ed un adulto è che l’adulto non dovrebbe avere sempre bisogno di qualcuno vicino perché dovrebbe aver superato la sindrome abbandonica del bambino.