I principi per vivere bene una relazione di coppia

19 Settembre 2016

I principi della coppia

Un rapporto di coppia si fonda su dei pilastri ben precisi. Questi pilastri li potremmo chiamare regole o semplicemente principi che un rapporto di coppia deve avere; pochi ma essenziali.

In una relazione non è così difficile trovarsi a discutere con il proprio coniuge: l’equilibro non è mai scontato. Entrambi lavorate ed entrambi seguite i figli; tra tutti gli impegni che avete non è facile mantenere un equilibrio nello stare assieme.

C’è sempre chi all’interno di una relazione si sente trascurato, incompreso, poco rispettato o che pecca di egoismo oppure di vittimismo.

 

Articoli correlati: Le regole della coppiaLe regole d’oro della coppiaPerché è difficile andare d’accordo – Come evitare il calo del desiderio sessualeSessualità: le cose che si possono dire al partner – Le 10 regole del corteggiamento e non solo Come cambiare il nostro modo d’amare 

 

Cosa dovrebbe avere un rapporto di coppia sano, maturo e costruttivo?

  • Comunicazione attiva. In una relazione la comunicazione è essenziale se non fondamentale. Sapete comunicare in modo attivo? Comunicare in modo attivo vuol dire sapere ascoltare ed accettare quello che la persona ci dice, senza distorcere la comunicazione con interpretazioni ed omissioni. Molto spesso nelle coppie i coniugi non si ascoltano perché pensano di conoscere già quello che l’altro vuole dire o pretende dall’altro. Quando due persone si conoscono da tanto tempo e hanno condiviso molto del loro tempo, pensano di conoscere già l’altra persona ed iniziano a non ascoltarsi più. Entrano in ruoli predefiniti dove la comunicazione diventa un optional. Se nel vostro rapporto manca la comunicazione, vuol dire che la relazione ha bisogno di un aiuto.
  • Forza ed energia. Una relazione non ha vita propria, ma dobbiamo essere noi che quotidianamente apportiamo energia all’interno della coppia. Amo ripetere alle coppie che vengono da me di pensare al proprio rapporto come ad una pianta da appartamento. La pianta non disturba, non chiede nulla e rimane lì ferma. Se ci dimentichiamo di lei e non l’abbeveriamo più, se non stiamo attenti se ha abbastanza luce o se ha bisogno di essere spostata perché ne ha troppa la pianta muore lentamente. Una relazione funziona allo stesso modo. Se all’inizio tutto andava bene, ci sembrava d’aver trovato la persona giusta e ci dimentichiamo d’investire sul rapporto, la relazione lentamente morirà.
  • Mantenere l’indipendenza all’interno della coppia. La dipendenza affettiva è uno dei più subdoli meccanismi che minano il rapporto di coppia. Le frasi “tu sei tutta la mia vita” oppure “senza di te mi sembra di morire”  sono frasi che, da una parte ci fanno sentire veramente importanti, ma dall’altra ci eliminano come persone singole ed uniche. Non siamo nati per vivere in simbiosi come certi animali. La nostra indipendenza è indispensabile. È molto bello ed anche funzionale alla coppia avere interessi in comune, ma la vita di coppia non è una vita di fusione con l’altro. Un rapporto che non prevede momenti in cui la coppia vive l’interdipendenza l’uno dall’altro è un rapporto malato e, come tutte le cose malate, ha vita breve se non viene curato.
  • Non avere paura del futuro. Se vivo una relazione ed ho paura di costruire il mio futuro con quella persona, se do una scadenza alla mia relazione o se penso al mio futuro con quella persona e provo sensazioni negative, allora c’è qualcosa che non va bene. Una relazione non dovrebbe avere limiti: dovrebbe essere come l’orizzonte. Se guardo l’orizzonte posso vedere montagne, tetti di case e palazzi o alberi ma so che se continuo ad andare avanti l’orizzonte non avrà mai fine, potrà solo cambiare. La stessa cosa dovrebbe essere la relazione che sto vivendo. Posso immaginarmi che la mia relazione cambierà, potrò invecchiare, avere figli, cambiare lavoro o città, ma sarà sempre con il mio compagno/a.
  • Accettazione completa dell’altro. Hai scelto una persona con cui condividere il tuo tempo. Se pensi di cambiare quella persona o di forgiarla a tua immagine e somiglianza, potrai essere certo che la tua relazione finirà in malo modo. Pensare di cambiare le persone, soprattutto all’inizio quando si inizia a conoscersi, è il più grande errore che si possa commettere. Personalmente ho smesso di fumare quando ho conosciuto la mia compagna. L’ho fatto anche grazie a lei, ma l’ho fatto per me e non per lei. Accettare la persona e la personalità di una persona, senza pensare che cambierà per amore o lo farà per me è l’ingrediente fondamentale perché il rapporto duri a lungo.
  • Essere in pace con se stessi. Prima di andare d’accordo con il mio compagno devo essere in pace con me stesso. Sarà impossibile vivere una relazione sana e costruttiva se non ho risolto i miei problemi personali. Se soffro di depressione, d’ansia, se mi sento in colpa o inferiore agli altri, non posso pensare che sarà il mio compagno a risolvere i miei problemi. Solamente chi sta bene con se stesso sta bene con gli altri. Se sono in armonia con la mia vita e con me stesso allora saprò portare questo equilibrio anche all’interno della coppia. Se invece sono frustrato, amareggiato, deluso da me stesso o dai miei cari perché non ho ricevuto l’amore che meritavo, sarà impossibile trovarlo o rincuorarmi nel rapporto di coppia. Solo se avrò risolto e rielaborato le mie emozioni in modo più funzionale al mio benessere potrò sperare di vivere una relazione appagante.

Se ti manca una di queste competenze, non disperare, perché potrai sempre impararla e, una volta acquisita, potrai spenderla all’interno del tuo rapporto. Non è fondamentale averle tutte, l’importante è sapere cosa serve ad un rapporto maturo e costruttivo e lavorarci costantemente.