La fibromialgia è una malattia cronica e molto dolorosa, caratterizzata da dolore muscolare cronico diffuso, associato a rigidità. Prevalentemente interessati dal dolore sono: la colonna vertebrale, le spalle, il cingolo pelvico, braccia, polsi e cosce.

Al dolore cronico si associano spesso disturbi dell’umore come la depressione e del sonno, nonché astenia, ovvero affaticamento cronico.

Inoltre la non efficacia dei comuni antidolorifici, e il carattere “migrante” dei dolori, sono peculiari della fibromialgia.

Insorge prevalentemente nelle persone di sesso femminile in età adulta con picchi verso i 25-35 e 45-55 anni, anche se non sono rari casi di fibromialgia in età pediatrica o durante l’adolescenza. L’incidenza fra gli uomini risulta dello 0,5% mentre per le donne arriva a sfiorare il 2% della popolazione mondiale.

Spesso la diagnosi arriva tardivamente e dopo molti controlli medici, in quanto essendo un insieme di sintomi, spesso viene mal interpretata.

La causa esatta di tale malattia è ancora sconosciuta: attualmente si pensa che alla base di questa sindrome possa esserci un disturbo che coinvolge il sonno (nello stadio 4), o comunque fattori di stress sia di tipo fisico che psicofisico.

Per quanto riguarda l’eziologia dolorosa della malattia, recentemente si è dimostrato un ruolo centrale per la neurotrasmissione dopaminergica nella percezione del dolore, quindi una diminuzione di dopamina probabilmente contribuisce al nascere dei sintomi dolorosi che si presentano nella fibromialgia.

Sfortunatamente, molte persone che soffrono di fibromialgia soffrono anche di depressione grave. La depressione deriva della mancanza di comprensione delle cause di tali dolori e soprattutto dall’intensità e dalla durata dei dolori. Talvolta il dolore è talmente rilevante che la persona non riesce nemmeno a muoversi.

I trattamenti per la fibromialgia sono di varia natura e si possono raggruppare in trattamenti naturali e farmacologici.

Un ottimo modo per sbarazzarsi di alcuni dolori associati a questa condizione orribile è un ciclo di sedute di ipnositerapia.

L’ipnosi sta emergendo come trattamento alla fibromialgia. L’ipnosi, secondo una ricerca ha dimostrato d’avere un successo per il trattamento del dolore che supera l’80%.

L’ipnosi è un metodo attraverso il quale ogni persona può essere guidata in uno stato di ricettività. Esso è incentrato sullo stato fisico e psicologico e serve per migliorare e facilitare i cambiamenti psicologici che normalmente sono fuori dalla nostra naturale capacità cosciente.

In altre parole, la trance ipnotica è sostanzialmente uno stato di iper-suggestionabilità. Chiunque può essere ipnotizzato, se è possibile rilassarsi e seguire le semplici istruzioni potrete gustarvi una trance ipnotica. L’ipnoterapia è fondamentalmente una terapia fatta in collaborazione con il colloquio psicologico.

I risultati sono assolutamente soggettivi e sono diversi da individuo a individuo, ma è in genere è associata ad un piacevole stato di profonda calma interiore e di rilassamento fisico.

Inoltre dal 1850 l’ipnosi è stata utilizzata per generare anestesia. E’ stato provato che la mente è capace di bloccare il dolore in misura sufficiente a consentire interventi chirurgici complessi, come le amputazioni.

Dr. Ceschi Psicologo Padova – Mestre